Presentazione Windows 11: parola d'ordine non mancare!

Il momento che tutti stavamo aspettando è finalmente arrivato: Microsoft ha presentato la “Next generation of Windows” ovvero la prossima versione di Windows, come ha affermato la CEO Satya Nadella alla conferenza degli sviluppatori di Microsoft Build 2021.

L’evento si è tenuto il 24 giugno, alle 17 (ora italiana) ed è stato trasmesso in diretta sul canale YouTube di Microsoft. Non sei riuscito a partecipare? Non perderti la presentazione della nuova Windows experience, clicca qui!
Di certo l’annuncio non giunge inaspettato, era stata infatti la stessa Microsoft a distribuire indizi fino al rilascio di un vero e proprio teaser ufficiale.

La build trapelata rappresenta una versione provvisoria di Windows 11, ed è quindi molto probabile che i piani di Microsoft siano cambiati prima della presentazione ufficiale. Di fatto, non sappiamo ancora con certezza quali ottimizzazioni abbia pensato di implementare l’azienda sulle release finali. Non è ancora noto quante versioni di Windows 11 saranno disponibili, né la data ufficiale del rilascio, probabilmente intorno a novembre.

Windows 11 potrà fare meglio del suo predecessore?

I risultati sono piuttosto interessanti, con un vantaggio di Windows 11 su Windows 10 abbastanza concreto. Vediamo quanto è trapelato fino ad ora:

  • Aggiornamento gratuito per gli utenti di Windows 7, 8 e 10;
  • Interfaccia e menu Start: “Sun Valley” è il nome in codice dell’interfaccia utente del nuovo Windows e le novità riguarderanno oltre al restyling, incluse le icone, il posizionamento del menu Start, che dovrebbe essere posizionato centralmente (di default) anche se l’utente potrà spostarlo nella sua posizione tradizionale a sinistra dello schermo;
  • Microsoft store: revisione grafica per una maggiore fruibilità da parte dell’utente e a vantaggio degli sviluppatori, in modo che si possano caricare più applicazioni;
  • Migliore gestione della Gpu: l’utente che dispone di un pc con più di una, sarà abilitato a selezionare quale utilizzare, direttamente dal menu impostazioni, per l’esecuzione di App e programmi;
  • Skype non sarà presente di default, ma l’utente potrà ottenerlo attraverso il download da Microsoft Store. Al contrario probabilmente una nuova funzionalità integrerà Microsoft Teams nella barra delle applicazioni.